158505

Sei popolari credenze sulle vaccinazioni dei bambini da sradicare una volta per tutte

È sempre più comune, da parte dei genitori, evitare o ritardare le vaccinazioni dei propri figli. È una tendenza che ha contribuito alle recenti epidemie di malattie rare, come morbillo, parotite e pertosse. Molta dell’ansia sulle vaccinazioni si basa su miti e disinformazione.

Questi sono i più comuni miti sulle vaccinazioni:

1. Le vaccinazioni provocano autismo.

adriaticfoto / Shutterstock.com

Quattordici diversi studi scientifici non hanno trovato alcun collegamento tra le vaccinazioni e l’autismo, secondo Paul Offit, direttore del Centro Vaccinazioni del Philadelphia Children’s Hospital.

Questo mito proviene da un piccolo studio pubblicato sul “The Lancet” nel 1998, successivamente smentito. Le autorità mediche britanniche dichiararono l’autore colpevole di diffusione di disinformazione. Ritennero che avesse diffuso dati falsi e definirono lo studio “assolutamente fraudolento”.

Triste ma vero: una volta partiti, miti e chiacchiere sono difficili da controllare.

2. I vaccini contengono sostanze chimiche tossiche.

Esistono preoccupazioni circa le seguenti possibili tossine nelle vaccinazioni: mercurio, alluminio e formaldeide.

  • Mercurio

I vaccini non hanno mai contenuto metilmercurio, un metallo tossico che può provocare danni al cervello. Prima del 2001, alcuni vaccini contenevano thimerosal, un conservante realizzato con etilmercurio che, a differenza del metilmercurio, è sicuro e non tossico.

Capire la differenza tra queste due sostanze è importante. Dopotutto, l’alcol etilico che si trova nella birra o nel vino non è la stessa cosa dell’alcol metilico, anche noto come spirito di legno, che può provocare cecità.

Alcuni genitori hanno espresso le loro preoccupazioni circa il thimerosal e il suo legame con l’autismo. Per placare queste paure, la Food and Drug Administration ha ordinato la rimozione del thimerosal dalle vaccinazioni di routine. Di fatto, questa sostanza non viene più usata dal 2001.

  • Alluminio

L’alluminio viene usato in piccole dosi in alcune vaccinazioni per stimolare una migliore risposta del sistema immunitario.

I bambini assumono più alluminio tramite il cibo, compreso il latte materno, che non tramite le vaccinazioni. Nei primi sei mesi di vita, un bambino allattato al seno assume 10 mg di alluminio, mentre un bambino allattato artificialmente ne assume 30 mg.

Un bambino che riceve tutte le vaccinazioni acquisirà in totale 4 mg di alluminio.

  • Formaldeide

I vaccini contengono tracce di formaldeide, così come il nostro organismo. I bambini hanno dieci volte più formaldeide nel loro organismo di qualsiasi vaccino.

Se hai tolleranza zero nei confronti del mercurio, è meglio se ti trasferisci su un altro pianeta. Tutti abbiamo mercurio, alluminio e formaldeide nel nostro corpo, afferma il dottor Offits.

3. I bambini ricevono troppi vaccini che indeboliscono il loro sistema immunitario.

REDPIXEL.PL / Shutterstock.com

Non c’è alcuna evidenza che suggerisca che questa sia una preoccupazione legittima. Quello che alcuni genitori non capiscono è che i bambini hanno un forte sistema immunitario, anche con così tante vaccinazioni. In passato, i bambini venivano vaccinati solo contro il vaiolo. Oggi, i bambini vengono vaccinati contro quattordici malattie.

Non appena lasciano l’utero, i bambini vengono immediatamente circondati da milioni di batteri. Se il loro sistema immunitario non fosse così forte, non potrebbero sopravvivere dopo la nascita.

4. Saltare alcune vaccinazioni è sicuro.

Ci sono genitori che pensano che sottoporre i bambini a così tante vaccinazioni in una volta sola provochi molto dolore non necessario. Ma ritardare alcune vaccinazioni può comportare lo sviluppo di malattie.

Alcuni studi hanno dimostrato che l’ormone dello stress nei bambini si attiva a seguito di un’iniezione. Dato che l’iniezione è sufficientemente stressante, aggiungerne un’altra non continua ad aumentare i livelli di stress.

Vale la pena sottolineare che rimandare le vaccinazioni mette anche a rischio i bambini.

5. I vaccini provocano molti effetti collaterali.

funnyangel / Shutterstock.com

Prima di essere usati sugli esseri umani, i vaccini vengono testati migliaia di volte per dimostrare che siano sicuri.

Per esempio, il vaccino contro l’HPV è stato testato su 30.000 donne prima di essere approvato, quello contro il pneumococco su 40.000 bambini, quelli contro il rotavirus su 130.000 bambini. Tutti questi vaccini sono stati testati per vent’anni.

Ogni volta che viene lanciato un nuovo vaccino, l’FDA richiede alle aziende farmaceutiche di dimostrare che esso non rappresenti un rischio per i consumatori.

I produttori di vaccini prestano molta attenzione quando etichettano i loro farmaci, dato che sono obbligati ad avvisare riguardo a possibili effetti collaterali che potrebbero presentarsi.

6. Il vaccino antinfluenzale provoca l’influenza.

Il virus contenuto nel vaccino contro l’influenza è già morto, quindi non può provocare influenza. L’effetto collaterale più comune è un eritema sul braccio.

Il vaccino antinfluenzale viene somministrato nel periodo in cui circolano maggiormente i virus respiratori. Quindi non è insolito prendere l’influenza dopo essere stati vaccinati. L’immunità alla malattia fa effetto soltanto due settimane dopo aver ricevuto il vaccino. Ma è stato dimostrato che il vaccino in sé non provoca la malattia.

Essere bene informati è molto importante per arrestare la diffusione di falsi miti, soprattutto quando si tratta della salute dei bambini.

Usatoday


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.

Array ( [0] => 1 [1] => 83 )
Prima
Like us
on Facebook, to get
our best posts.
Sei popolari credenze sulle vaccinazioni dei bambini da sradicare una volta per tutte