154211

Calcoli renali: sintomi, fattori di rischio e prevenzione

I calcoli renali sono un disturbo molto comune che affligge l’11% degli uomini e il 6% delle donne negli Stati Uniti ad un certo punto della loro vita. Ci sono diversi tipi di calcoli renali, e possono svilupparsi per diversi motivi. Per esempio, ci sono alcuni fattori che possono intaccare negativamente i reni:

I calcoli renali sono causati da livelli eccessivamente alti di calcio o fosforo nelle urine. Nella maggior parte dei casi possono essere curati con medicinali e assumendo più liquidi, ma nei casi più gravi è richiesto un intervento chirurgico.

Quali sono i sintomi dei calcoli renali?

I calcoli renali potrebbero non dare sintomi, ma quando questi si manifestano, sono rintracciabili nei seguenti:

  • dolori acuti alla schiena, fianchi, addominali bassi o inguine (molte persone descrivono questo come il peggiore dolore che abbiano mai provato nella loro vita);
  • urine di colore rosa, rosso o marrone che segnalano la presenza di sangue;
  • urine tossiche o maleodoranti;
  • bisogno frequente e impellente di urinare;
  • urinazione dolorosa;
  • difficoltà nell’urinare;
  • senso di nausea e vomiti;
  • febbre e brividi (se c’è un’infezione in corso).

Quali sono i fattori che fanno aumentare il rischio di sviluppo dei calcoli renali?

Ci sono dei fattori che possono far aumentare il vostro rischio di sviluppare i calcoli renali. Tra questi:

  • avere avuto i calcoli renali in passato;
  • anamnesi familiare di calcoli renali;
  • disidratazione;

  • soffrire di obesità;
  • una dieta troppo proteica (specialmente se a base di prodotti animali), o troppo ricca di sale e zucchero;
  • bypass gastrico;
  • condizioni mediche quali malattie infiammatorie dell’intestino, infezioni delle vie urinarie frequenti, ipercalciuria, iperossaluria, iperparatiroidismo e gotta;
  • l’assunzione di farmaci diuretici e antiacido a base di calcio.

Come posso ridurre il rischio di avere i calcoli renali?

Potete prendere delle misure precauzionali per ridurre il rischio di sviluppare calcoli renali:

  • assumete abbastanza fluidi;
  • se avete un’anamnesi familiare o una malattia che possono aumentare il rischio di avere i calcoli, seguite le raccomandazioni del vostro medico curante per quanto riguarda qualsiasi provvedimento aggiuntivo;
  • se siete propensi a sviluppare i calcoli renali, limitate il consumo di cibi ad alto contenuto di ossalato, come il rabarbaro, la barbabietola, il gombo, gli spinaci, il cardo svizzero, le patate dolci, le noci, il tè, il cioccolato, il pepe nero e prodotti derivati dalla soia;
  • dovreste anche assumere meno sale e proteine, specialmente se siete a rischio maggiore;
  • una dose adeguata di calcio nella vostra dieta non dovrebbe darvi nessun disturbo, ma se pensate di iniziare ad assumere integratori a base di calcio, assicuratevi di consultare prima il vostro medico;
  • alcune persone dicono che bere limonata o succo di limone può prevenire i calcoli renali.

Mayo Clinic, MedicineNet, HealthLine

Glomerulonefrite: cause, tipologie e sintomi


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina qualsiasi responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenuto in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico o un altro operatore sanitario. 

Array ( [0] => 1 [1] => 83 )
Prima
Like us
on Facebook, to get
our best posts.
Calcoli renali: sintomi, fattori di rischio e prevenzione